Il ballottaggio

In vista del del prossimo 19 Giugno 2016, momento in cui i cittadini dovranno decidere chi governerà Torino nei prossimi cinque anni, noi di SiAmoTorino riteniamo, prima di tutto, che si debba sempre andare a votare, in base all’inscindibile principio “diritto-dovere” del voto come atto civile; poiché è necessario manifestare il nostro parere su chi dovrà decidere il nostro futuro come cittadini. Un diritto-dovere che impone quale prerequisito la consapevolezza del valore del voto individuale e del suo peso all’interno del sistema democratico.

SiAmoTorino è un movimento d’opinione, e in quanto tale potrebbe astenersi dal dare precise indicazioni di voto ai propri sostenitori, simpatizzanti e attivisti che sono in grado di decidere in maniera libera e autonoma quale dei due candidati alla carica di Sindaco potrà meglio rappresentare i contenuti dei nostri punti programmatici.

Ma noi, individualmente e come gruppo, abbiamo intenzione di schierarci in maniera esplicita, cristallina, intellettualmente onesta; a patto però che vi sia condivisione di idee e soluzioni per il bene della nostra città.

Dunque, facendo appello a chi ci ha votato o a chi lo avrebbe fatto ma per ragioni di opportunità ha preferito dare il voto ad un altro schieramento, ribadiamo quelli che dovranno essere i pilastri su cui dovrà basarsi l’azione del nostro prossimo Sindaco:

  1. Partecipata”, “ multiculturale” e “Cittadinanza attiva, in centro come nelle , con il coinvolgimento diretto dei cittadini per la sicurezza dei propri quartieri. In particolare, la nostra proposta vuole introdurre la possibilità di coinvolgere i rappresentanti dei cittadini direttamente nel Comitato per l’Ordine e la Sicurezza, così da dar vita a una comunicazione diretta cittadino-amministrazione.
  2. Meno  per i cittadini partendo dalla rimodulazione della tassa rifiuti in base alla quantità prodotta e alla tipologia; agevolazione per le nuove attività che creano  soprattutto nelle periferie contro la desertificazione commerciale; snellimento burocratico per tutte le nuove attività.
  3. Trasparenza nella gestione del , i cittadini devono poter capire immediatamente come le proprie tasse sono utilizzate dagli amministratori
  4.  come criterio base di tutte le scelte che riguardano la pubblica amministrazione con premi di produttività ai meritevoli, basta prebende a pioggia per il mero consenso elettorale
  5. Revisione della spesa comunale e delle ,l’amministrazione comunale deve essere arbitro a favore dei cittadini e non mero operatore economico.

Chi, dei due candidati Sindaco, si impegna a realizzare, anche in parte, quanto noi proponiamo? Chi si impegna a migliorare questa città attraverso le soluzioni da noi ?

Consapevoli e convinti dell’efficacia delle nostre idee, così come della necessaria per la nostra città, ci impegniamo fin da ora a sostenere il futuro Sindaco che vorrà realizzare quanto da noi proposto, anche materialmente attraverso le nostre competenze, le nostre professionalità e il nostro convinto voto.

Condividi le nostre idee !!

Autore dell'articolo: SiAmo Torino

Lascia un commento