malaMAO: ennesimo esempio di paracul/tura torinese

Una serie di schifezze inenarrabili: commissioni ammaestrate, nomine fai da te, familismi accademici, assessori bugiardi, graduatorie stravolte, regole usate come carta da cesso” (Gabriele Ferraris, dalla denuncia sul suo blog)

Nel 2014, la Fondazione Musei – l’ente che gestisce i musei comunali – chiama Francesco Paolo , direttore del museo delle culture di Lugano, come consulente per “il riassetto” del MAO (Museo d’Arte Orientale) alla modica cifra di 66mila euro all’anno per tre anni. Dopo le polemiche piuttosto accese, il tutto è stato sospeso in attesa della nomina del nuovo direttore.

La Fondazione decide di fare un bando internazionale, nominando una commissione di alto livello scientifico. Alla fine della selezione, la presidente della Fondazione, Patrizia , invece che scegliere il primo della graduatoria stilata dalla commissione, sceglie invece il terzo (oltretutto a pari merito con un altro candidato), perché avrebbe una “maggiore esperienza nella direzione museale”.

Alla specifica interpellanza in Consiglio Comunale del consigliere , l’ alla Cultura del Comune di Torino, Maurizio , verosimilmente per coprire la forzatura attuata dalla Asproni, nega che la commissione abbia fornito una graduatoria, ma solo una rosa di quattro nomi; invece dai verbali della commissione risulta che la graduatoria esista, e pertanto parrebbe che l’assessore abbia mentito.

Il prescelto dalla Asproni, Marco , sembrerebbe oltretutto essere anche legato al suddetto prof. Campione, perché membro del comitato scientifico del museo di Lugano di cui Campione è direttore; inoltre, venne nominato direttore dei Musei Civici di Udine da una commissione di cui faceva parte il solito Campione.

Sarà che l’ambiente dei musei è piccolo e si conoscono tutti, però ci pare inopportuno che venga nominato (tra l’altro con la forzatura di cui abbiamo detto) qualcuno così in stretti contatti professionali con Campione, visto che da direttore del MAO dovrà poi pronunciarsi sulla conferma della consulenza al Campione stesso.

Ci chiediamo dove sono la e la ? Ma soprattutto chiediamo alla che per la seconda volta decide di far ospitare una propria mostra in questo museo: se uno del genere avesse coinvolto un museo statunitense, la National Geographic avrebbe accettato di associare il proprio nome a tale realtà?

In tutto questo, dov’è il Ministero dei Beni Culturali? Al Ministero chiediamo l’invio degli ispettori!

Dov’è Fassino?

@SiAmoTorino, perchè noi amiamo Torino

Condividi le nostre idee !!

Autore dell'articolo: Claudio Bertolotti

1 thought on “malaMAO: ennesimo esempio di paracul/tura torinese

    Claudio Bertolotti

    (04/06/2015 - 20:39)

    Riportiamo testualmente l’articolo di Gabriele Ferraris sulla MAI risolta quesitone del malaMAO

    “MAO, IL DILEMMA DEMOCRATICO: BANDO O CARTA DA CESSO?
    Avevo deciso di prendermi una vacanza. Ma c’è questa storia del Mao che continua a ronzarmi per la capoccia. Prima di partire per i miei agresti ozi, ne avevo discusso con la presidente di Torino Musei, convincendola a rilasciarmi una dichiarazione scritta, che qui vi riporto: “Il Consiglio direttivo ha deciso all’unanimità, nel pieno rispetto dei requisiti contenuti nell’avviso di selezione e delle proprie prerogative  la nomina del dott. Marco Biscione quale Direttore del Mao alla luce in particolare della sua pluriennale esperienza di manager nella direzione e gestione di musei, caratteristica non posseduta da alcuno degli altri candidati individuati dalla Commissione. In ogni caso le adeguate e necessarie competenze orientalistiche all’interno del Mao sono assicurate dai conservatori”.
    Di più. Nel corso della nostra conversazione, ho domandato a Patriziona come giustificasse il fatto che la scelta per la direzione del Mao fosse caduta proprio su Marco Biscione, benché fosse sprovvisto di uno dei requisiti richiesti da bando, ovvero le “competenze orientalistiche”. Nella dichiarazione scritta Patrizia Asproni afferma che tali competenze non sono necessarie, in quanto “assicurate dai conservatori”. A voce, Patrizia ha anche negato che tale requisito fosse previsto dal bando.

    Cosa chiedeva il bando

    Questo particolare mi è rimasto in testa. E sono andato a controllare il bando. Tale bando non è più disponibile sul sito del Mao; però è ancora on line (per il momento) su quello della Fondazione Torino Musei. Come tutti possono leggere, nel bando alla voce “requisiti”  c’è scritto proprio “competenze di alto livello scientifico in storia dell’arte, archeologia, lingue orientali ed economia e management dei beni culturali”.
    Ora, converrete con me che questi cercavano un novello Leonardo. Voglio dire: è una bella pretesa, trovare uno con caratteristiche tanto ampie quanto variegate. Io avrei limitato le richieste. Ma il bando non l’ho fatto io, l’hanno fatto loro. E qui sta il problema.

    Cosa volevano lorsignori

    Se ti impegni per iscritto, poi carta canta e villan dorme. Non è che scrivi una cosa (tipo  che pretendi
    “competenze di alto livello scientifico in storia dell’arte, archeologia, lingue orientali ed economia e management dei beni culturali”) e poi, quando trovi (qui faccio uno sforzo di buona fede, e scrivo “trovi” ipotizzando che non ci fosse niente di combinato) quando trovi uno che ritieni abbia le “competenze di economia e management”, ovvero le uniche che davvero ti interessano, ah beh, allora tutto il resto non conta.
    Non conta sta benamata ceppa.

    Il dilemma democratico

    Perché delle due l’una:
    1) o ti scegli il direttore che ritieni utile per raggiungere i tuoi obiettivi, lo chiami, lo nomini, e ti assumi la responsabilità politica della tua scelta;
    2) oppure sei un cacasotto che non ha il coraggio delle proprie decisioni, e allora fai il bando per sgravarti la coscienza e la fedina: però quel che è scritto e scritto, e non puoi arrangiarti le cose come meglio ti comoda.
    In altre parole. Comincio ad averne pieni i coglioni di queste pantomime di “trasparenza” che non mi interessano, e un po’ mi irritano. Semmai, gradirei efficienza e assunzione di responsabilità.
    E soprattutto rispetto della legge. Pacta sunt servanda. 
    O almeno scriveteli bene, questi dannati bandi.”
    http://gabosutorino.blogspot.it/2015/06/mao-il-dilemma-democratico-bando-o.html

Lascia un commento